da   Ass. Il Racconto Ritrovato

SULLA LETTURA di Angela Lista

 

Amo  i libri  perchĂ© sono parte della mia ricchezza interiore; sono cresciuti con me, mi hanno fatto crescere. Alcuni hanno  pagine ingiallite, ma se ne stanno ancora in buon ordine sugli scaffali di casa. Nel corso del tempo il loro numero è aumentato. Infatti mi piace acquistarne di nuovi per sentirli  veramente miei e trovo sempre un posto per loro. Quando leggo un libro esso segue il ritmo della mia giornata.. E’ paziente: sa aspettarmi  minuti, giorni o mesi poichĂ© io posso leggere d’un fiato, ma amo anche soffermarmi sulle pagine, annotando a margine o sottolineando ciò che ritengo interessante.  Un’abitudine appresa durante i miei studi.

Se una descrizione o l’esposizione di un carattere mi colpiscono, torno a rileggerli a distanza di tempo e scopro sfumature che non avevo saputo cogliere.

La lettura mi coinvolge: apro un libro nuovo ed entro in un mondo nuovo. Un racconto  sa darmi gioia e serenitĂ  ma anche dolore o tristezza. La mia scelta è lunga e meditata. Confesso che alcuni libri o meglio alcuni autori mi hanno deluso, ma li rispetto comunque perchĂ© rappresentano la scintilla di un pensiero. Altri libri, letti da giovane, non sono stati apprezzati come meritavano, forse per la mia immaturitĂ  di allora; riletti da adulta sono stati una vera scoperta.

Un libro chiuso è per me un oggetto povero. Aperto, si anima.

Le parole di carta prendono vita grazie ai lettori appassionati

Lascia un commento