da   Ass. Il Racconto Ritrovato

I nostri Soci poeti

 

Verrà
la Morte
spezzando
il sorriso
una voce
un gesto
così cari.

Muterà

il corpo inerme
corrompendo
i tratti
nelle penose ore.

Ruberà

il soffio
prezioso
di tutte
le stagioni.

Vita si spegne

e lo statico
petto più
non s’alza.

 

Mi riempiono d’azzurro

gli occhi

sembrano guardare dentro

fino al cuore.

 

Una luce

vestita di desideri ludici

misti ad amplessi

fame di vita.

 

Riflessa nell’iride

d’ un tragitto

lontano di ricordi,

assaporo quel che vidi

ed ancora mi appartiene.